La soluzione per il Private Cloud di Microsoft

Nel mercato IT italiano la virtualizzazione ha raggiunto un trend in continua ascesa e con ritmi di adozione sempre crescenti: sono infatti sempre di più le aziende che decidono di virtualizzare i propri datacenter (anche i servizi business critical) per rendere più flessibile , affidabile e scalabile la soluzione dal punto di vista della gestione e dei costi: tutto questo si può riassumere come il primo passo verso una architettura di Private Cloud.

Microsoft offre ai propri clienti una soluzione di Private Cloud che riesce a combinare la potenza di soluzioni on-premise di livello enterprise con la flessibilità e la scalabilità delle soluzioni cloud.

Tra i benefit legati all’adozione della soluzione Private Cloud di Microsoft rientra la notevole riduzione dei costi IT: in questo modo sono ridotte drasticamente le spese di acquisizione, manutenzione e gestione dell’intera struttura IT.

Sarà quindi possibile creare e ospitare servizi e applicazioni web scalabili a seconda delle esigenze aziendali, veicolandole solo a chi servono, quando servono; il tutto con competenze e strumenti che gli sviluppatori e il personale IT già conoscono e utilizzano ogni giorno.

Alla base di tutto troviamo l’hypervisor baremetal del colosso di Redmond, Hyper-V nella sua versione 2008 R2,  in attesa della promettente release 3, in arrivo con Windows Server 2012 (nome in codice Windows Server 8) .

Il datacenter è gestito interamente tramite la suite System Center 2012  che acquisisce e aggrega informazioni su sistemi, criteri, processi e procedure consigliate in modo da consentire di ottimizzare l’infrastruttura aziendale per ridurre i costi, migliorare la disponibilità delle applicazioni e ottimizzare la fornitura di servizi.

Continua a leggere La soluzione per il Private Cloud di Microsoft

Disponibile VMware vSphere client per iPad

E’ disponibile il client di VMware vSphere per il noto tablet della Mela, l’iPad.

Molti Mac User aspettavano la release ufficiale per il  loro sistema operativo Desktop, Mac OSX, ma essendo negli ultimi anni passato un po’ in secondo piano rispetto ai dispositivi  iOS come iPad e iPhone, non so se ne vedranno mai un rilascio ufficiale.

Per accedere comodamente dal nostro iPad alla gestione dell’infrastruttura virtuale VMware vSphere, occorre preparare prima l’ambiente: è infatti indispensabile l’installazione di una virtual appliance per sfruttare l’accesso mobile (non solo da iPad).

La Virtual Appliance, con il nome di VMware vCenter Mobile Access (vCMA) è scaricabile dal sito VMware Labs.

Tramite il client vSphere per iPad è possibile:

  • Visualizzare gli host e le virtual machine
  • Monitorare le performance degli host e delle virtual machine dell’infrastruttura
  • Accendere, spegnere e sospendere le virtual machine
  • Gestire gli snapshot delle virtual machine
  • Riavviare gli host vSphere e mettere in manutenzione
  • Utilizzare le utility ping e traceroute

Continua a leggere Disponibile VMware vSphere client per iPad